Determinazione di liquidazione n. 12 del 20.07.2015

Progetto Biennale per la “Prevenzione della Cecità, l'Educazione e la Riabilitazione Visiva”, L. 284/97, art. 2 - Deliberazioni n. 860 dell'11.04.2012 dell'ASL Bari e n. 17 del 05.03.2013 della Giunta Provinciale. - liquidazione competenze agli operatori impegnati nel periodo novembre – dicembre 2014.
Clicca qui per visualizzare l'atto.

Determinazione di impegno n. 12 del 10.07.2015

Istituzione Centro “Messeni Localzo” di Rutigliano. Interventi di Consulenza oculistica, tiflo-pedagogica e trattamenti educativo-riabilitativi, proroga incarichi al 31 dicembre 2015. –  Impegno di spesa. - Riproposizione.
Clicca qui per visualizzare l'atto.

Determinazione di liquidazione n. 11 del 06.07.2015

Servizio Stamperia Specializzata per Videolesi attivato nell’Istituzione Centro “Messeni - Localzo” di Rutigliano in modo integrato con le risorse umane della Cooperativa Sociale “Aurelio Nicolodi” a R. L.. – Liquidazione spettanze per il pagamento degli operatori impegnati nel periodo gennaio – giugno 2015 di attuazione del Progetto – anno  scolastico 2014 - 2015.
CIG: ZDA117923A.
Clicca qui per visualizzare l'atto.

Determinazione di liquidazione n. 10 del 30.06.2015

Progetto Biennale per la “Prevenzione della Cecità, l'Educazione e la Riabilitazione Visiva”, L. 284/97, art. 2 - Deliberazioni n. 860 dell'11.04.2012 dell'ASL Bari e n. 17 del 05.03.2013 della Giunta Provinciale. - liquidazione competenze agli operatori impegnati nel periodo gennaio – marzo 2015.
Clicca qui per visualizzare l'atto.

Determinazione di impegno n. 11 del 30.06.2015

Istituzione Centro 'Messeni Localzo" di Rutigliano. Interventi di Consulenza oculistica, tiflo-pedagogica e trattamenti educativo-riabilitativi per il periodo aprile ¿ giugno 2015. – Impegno di spesa.
Clicca qui per visualizzare l'atto.

Inaugurato il viale dei profumi nel Giardino Sensoriale del Centro “Messeni”

  Sabato 27 giugno il Presidente del Rotary Club “Terra dell’Uva” di Rutigliano, il Presidente del Rotary Club di Putignano e il Presidente del Rotary Club di Monopoli, alla presenza dei responsabili e di alcuni utenti del “Messeni” e con l’intervento del Vicepresidente della Sezione Provinciale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, hanno inaugurato il Viale dei Profumi nel “Giardino Sensoriale” del Centro realizzato grazie allo sforzo congiunto dei tre Club.
Clicca qui per vedere il video sintetico della manifestazione.

  Il Viale, attrezzato con un percorso tattile plantare e abbellito con piante aromatiche, conduce in autonomia gli utenti non vedenti dalla vasca dei pesci ad un luogo di relax dotato di panchine. 
  Questa importante e innovativa realizzazione, promossa e portata a termine con impegno dal Presidente del Rotary di Rutigliano, costituisce il primo tassello di un progetto di ristrutt,urazione degli spazi verdi del “Messeni” al fine di renderli pienamente accessibili in autonomia ai videolesi che frequentano la struttura ed utilizzabili per le attività riabilitative di orientamento e mobilità.

Comunicato stampa della Sezione Provinciale dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti

Bari, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti proclama lo stato di agitazione

IN PERICOLO I SERVIZI PER GLI ALUNNI NON VEDENTI 
E PER I VIDEOLESI PLURIMINORATI
FINANZIATI DALLA CITTÀ METROPOLITANA DI BARI
   
    L’anno scolastico è da poco finito e già iniziano i problemi per il prossimo: a Bari pare che nessuno sappia cosa sarà del Progetto delle Attività Integrative Extrascolastiche attuato dalla Sezione provinciale di Bari dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti per gli 85 studenti con disabilità visiva, del Servizio trascrizione dei libri di testo per i 30 allievi frequentanti le scuole secondarie di 2° grado e del  Progetto Centro Diurno e Assistenza Domiciliare per i 26 videolesi adulti pluriminorati attivati presso l’Istituzione Centro “Messeni”. La stessa Istituzione Centro per Videolesi “Messeni – Localzo” di Rutigliano, che assicura interventi educativo-riabilitativi ad oltre 70 alunni con minorazione visiva, secondo il Sindaco della Città Metropolitana di Bari, è a rischio di chiusura.  
    Non è un problema da poco, né di pochi: non da poco, perché si tratta di “una serie di servizi specialistici, coordinati ed organizzati, di elevata qualità, che hanno prodotto grandi miglioramenti nel livello di autonomia personale, di istruzione e di inclusione scolastica e sociale dei videolesi e che ora rischiano di essere annullati, con il passaggio dalla Provincia alla Città Metropolitana. E non di pochi, perché, il numero di studenti ed adulti disabili visivi che godono di tali attività ammontano ad oltre 250. E tanti sono gli studenti – e le famiglie – che da settembre rischiano di veder scomparire quelle figure professionali specializzate e quei supporti educativi e riabilitativi che, fino ad oggi, hanno favorito e sostenuto la loro piena partecipazione alla vita scolastica e sociale. Il motivo: la provincia, che gestiva i servizi, non esiste più, la Città metropolitana non funziona ancora, i fondi non ci sono né si sa se ci saranno.
    Nonostante la Giunta Regionale abbia approvato il 25 maggio una deliberazione in cui conferma alle Province e alla Città Metropolitana di Bari il compito di assicurare i servizi di supporto per l’integrazione scolastica degli allievi disabili visivi e l’assistenza ai videolesi pluriminorati anche per l’anno scolastico 2015-2016, ad oggi gli amministratori della Città Metropolitana di Bari affermano che, a seguito dell’applicazione della L. 56/2014 e dei tagli imposti dal Governo Centrale, non possono assicurare l’effettivo avvio dei servizi, determinando uno stato di confusione ed incertezza tra gli utenti disabili visivi, le loro famiglie e l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, che ha il compito della tutela morale e materiale dei non vedenti.
    Il Presidente del Consiglio Regionale dell’U.I.C.I. Giuseppe Simone afferma che “se si dovesse verificare quanto paventato, si tratterebbe di una palese e grave interruzione di pubblico servizio e che di conseguenza chiederà l’intervento e la tutela da parte della magistratura”.
    Il Consigliere dell’Istituzione Centro “Messeni” Luigi Iurlo ritiene che “tale evenienza, quale ne siano le motivazioni, qualora si verificasse, metterebbe a repentaglio una delle esperienze più significative presenti in Italia di integrazione e socializzazione della disabilità visiva. Lo stesso chiede quindi alle autorità competenti “un immediato ripensamento”, sollecitando “l’attivazione di un tavolo di concertazione tra la Regione, la Città Metropolitana, le scuole, l’Unione Italiana Ciechi, le famiglie e gli operatori sociali per la verifica delle difficoltà e la ricerca di soluzioni per la stabilizzazione dei servizi e una pianificazione certa degli stessi”.
Il presidente della Sezione U.I.C.I. di Bari, Antonio Montanaro, afferma che “i genitori e gli utenti disabili visivi non potranno assolutamente consentire che, in questa fase di tagli alle spese sociali, questi fondamentali servizi possano essere interrotti e assicura il sostegno decisivo dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti alle loro legittime richieste. L’auspicio di tutti è che gli amministratori degli enti interessati, sia in veste di politici che di dirigenti, sappiano assumersi la responsabilità di decidere, anziché per la chiusura, per l’ulteriore potenziamento dei servizi finora garantiti con risultati ottimali, perché decisioni che mettano a repentaglio attività altamente specializzate e qualificate, costruite in anni di impegno e dedizione umana e professionale, non saranno assolutamente consentite dai  ciechi di Terra di Bari”.

Determinazione di liquidazione n. 9 del 24.06.2015

Legge n. 284/97, art. 3, comma 1 e L.R. 19/06, art. 17, comma 1, lettera e) - Progetto Centro Diurno e Servizio Domiciliare per videolesi pluriminorati - annualità 2015 in affidamento per n. 15 settimane alla Sezione Provinciale di Bari dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (ONULS). – Liquidazione spettanze agli operatori.
Clicca qui per visualizzare l'atto.

La Dott.ssa Lallone in visita al “Messeni”

Giovedì 11 giugno, la Dott.ssa Lallone, Direttrice del Centro “Messeni” e Dirigente del Servizio Politiche Sociali della Città Metropolitana di Bari, ha incontrato gli utenti e gli operatori della struttura di Rutigliano in vista della chiusura estiva del servizio Centro Diurno Socio-Educativo Riabilitativo, attuato a partire dal 16 marzo per 5 giorni alla settimana dalle ore 8:30 alle ore 16:30. L’incontro è stato particolarmente festoso e commovente. I giovani videolesi pluriminorati, ai quali la Dott.ssa ha offerto gustosi manicaretti, hanno consegnato alla Direttrice un loro ricordo e brevi frasi con le quali hanno chiesto di  essere rassicurati sulla possibilità di riprendere a frequentare il Centro nella prima settimana di settembre. Nell’esprimere la loro gioia per le imminenti vacanze, i giovani hanno manifestato il timore di non poter più riprendere la loro attività nel Centro Diurno a causa delle limitate risorse finanziarie disponibili. 

Nel mese di maggio tante interessanti attività per gli utenti del Centro Diurno

 

Per tutta la giornata di mercoledì 27 maggio gli utenti del Centro Diurno Socio-Educativo Riabilitativo per persone videolese pluriminorate, attivato presso il Centro “Messeni” di Rutigliano, hanno effettuato un’uscita didattica allo Zoo Safari di Fasano, organizzata dagli operatori impegnatinel servizio.                  









In un clima festoso di condivisione e solidarietà, oltre a divertirsi nel parco giochi e a godere delle bellezze della accogliente struttura, gli utenti hanno potuto entrare in contatto diretto ed empatico con i diversi animali ospitati nello zoo, vivendo intense e nuove sensazioni, emozioni e conoscenze.


In precedenza, il 13 maggio gli stessi utenti, guidati dagli operatori,  hanno effettuato un’escursione di esplorazione nella campagna di Noicattaro e il 6 maggio una interessante visita didattica presso l’azienda agrituristica “Il Ranch” di Bitritto.


Venerdì 29 maggio, infine, hanno visitato a Rutigliano la parrocchia di San Domenico guidati dal Rev.mo don Angelo Bosco.
Find us on Google+